<<   N. 1464   >>

★ Carli, Niccolò [?-1653]. Pronosticante ragguaglio intorno alle commotioni, e varietà dei tempi nell’Anno Bisestile 1648. Discorso astrologico di Nicolò Carli Dottore di Filosofia, e Medicina, Flematico Accad. De’ Trauagliati di Rauenna. All’Illustriss. & Eccellentiss. Sig. il Signor D. Sforza Bvoncompagni. In Bologna, Per Carlo Zenero. 1648. Con licenza de' Sup.

In 4° (19.3 cm), A-E4 F2, cc. [3] [1 bianca], pp. 34, cc. [1]. Al frontespizio sono incise le armi del dedicatario. Un capilettera xilografico in B1 recto. I verso di A1 e F2 sono bianchi. La dedica è di Carlo Zenero ed è datata in A2 verso Di Bolog. Il dì 20. Nouembre 1647.

Raro (come tutte le opere effimere come quella qui descritta) discorso astrologico di Carli, che non differisce, per contenuto e qualità editoriale (elevata), da quelli dei suoi contemporanei. In effetti, è formulato nelle prime pagine un Discorso generale dell’Anno Bisestile, seguito dall’esame più analitico delle quattro stagioni e, ancor più analitico, dei singoli mesi. Sono abbastanza curiose le frasi di sintesi che intercalano l’esame degli aspetti che si formano in ogni singolo mese. Così: chi ha amaro in corpo non può sputar dolce (prima parte di agosto); nuoue stupende vengon per Corrieri (settembre); si guardino i Mercanti dalle fraudi (prima parte di novembre).

Esemplari: Bibl. Civica Aprosiana di Ventimiglia (esemplare incompleto); Staatsbibliothek Berlin.

Bibliografia: Riccardi II V 39-40; Piancastelli p. 53; Houzeau-Lancaster 15148 (per le uscite dal 1637 al 1649).