<<   N. 1599   >>

★ Celsius, Nils [1658-1724] – Wallinus, Johannes [XVII-XVIII secolo]. B.C.D. Disputatio Philosophica De Vanitate Astrologiae Judiciariae quam, Adprobante celeberrimo Senatu Philosophico Athenaei Upsaliensis, sub praesidio viri Amplissimi, Mag. Nicolai Celsii, Math. sup. Profess. Reg. & Ordin. Publicae disquisitioni ventilandam submittit Johannes Wallinus Sudermannus In Audit. Gust. Maj. Die 19. Aprilis Anni MDCCXXI. Horis ante meridiem consvetis. Upsaliae, literis Wernerianis. [19 aprile 1721].

In 8° (14,5cm), [ ]4 A-C8, cc. [4], pp. 46, cc. [1]. Dedica di Johannes Wallinus a Daniel Norlind, Karl Wattrang e Karl Örncron.

Celsius fu il Praeses di questa Dissertatio, nella quale il ruolo di Respondens fu rivestito da Wallinus. Come il titolo enuncia, l’opera, una tesi di laurea, è molto severa con la disciplina astrologica e gli astrologi in generale. Il pensiero di Wallinus può essere sintetizzato con quanto egli scrive alla pagina 43: Mala arbor malos fert fructus, & corvus malus sibi simile ovum gignint. Astrologia stellarum vel felicium vel malignantium vindex, ut scientia ad orcum usque proferibenda & releganda, ita moltorum errorum coecunda master est. La cosa più curiosa di questa plaquette è comunque la lettera di affettuoso incoraggiamento che Ambrosius S. Westring scrive a Wallinus da Upsal the 28th of March 1721 (in C8 recto). L’aspetto curioso è che in un libro stampato in Germania, scritto in latino da tedeschi e dedicato a tedeschi, la lettera sia in inglese.

Esemplari: British Library; National Library of Finland; Columbia University, New York.

Bibliografia: Houzeau-Lancaster 5423.