<<   N. 2022 bis   >>

★ Cysat, Johann Baptist [1588-1657] – Motzel, Volpert [XVI-XVII secolo]. Mathemata Astronomica. De loco, motv, magnitvdine, et cavsis cometae qvi svb finem anni 1618. et initivm anni 1619. in coelo fvlsiti. Ex aßiduis legitimisq[ue] variorum Phaenomenorum observationibus deriuata. Avctore Io. Baptista Cysato. Societatis Iesv Ingolstadii Mathematicae Professore Ordinario. Pvbliceqve proposita et demonstrata ab ervdito ivvene Volperto Mozelio Mathematicae & Physicae Studioso. Anno 1619. Die Decembris. Cum Gratia & Priuilegio Caesareae Maiestatis. Ingolstadii, Ex Typographeo Ederiano, apud Elisabetham Angermariam, Viduam. Anno M.DC.XIX (1619).

In 4° (19 cm), A-M4, cc. [4], pp. 80 (i.e. 84), cc. [2]. 33 incisioni (12 delle quali a piena pagina): 29 geometriche; 4 rappresentative delle costellazioni. Sono a piena pagina le incisioni alle pp. 23, 25, 53, 55, 57, 59, 61, 63, 65 [numerata 61], 67 [numerata 63], 69, 75. Le pp. 69-72 sono ripetute nella numerazione. Numerosi altri errori nella numerazione. Capilettera xilografici e fregi. Errata in M4 recto. M4 verso è bianca. Dedica di Volpert Motzel a Giovanni Cristoforo, Vescovo di Ingolstadt senza luogo né data.

Opera importante sotto il profilo astronomico perché contiene la prima, o una delle prime, relazioni dell’orbita di una cometa rilevate con il telescopio: Cysat accertò così che l’orbita era parabolica e non circolare. Nello stesso contesto Cysat menziona la sua scoperta di 2 satelliti di Saturno e della nebulosa di Orione. Cysat, gesuita a Ingolstadt e ivi professore di matematica, fu autore della prima osservazione dell’orbita di Mercurio. La cometa oggetto del testo è una delle 3 che si resero visibili in quell’anno e nel gennaio 1619: rinvio, oltre che all’indice specifico, alla scheda di Puteanus (n. 6443), nella quale ho indicato gli autori che ne trattarono. Cysat, quanto ai ritenuti effetti del transito delle comete, così si esprime nella praefatio: Veterum Astronomorum observationes ad nos non pervenerunt; plerique tum veteres tum Recentiores Astrologiae Iudiciariae dediti omnem curam in vanissimis ominationibus posuerunt, umbram secuti, eo quod rei caput erat penitus neglecto. Tuttavia, nelle ultime pagine del testo: Probabile est Cometam magnam Orbi & Mortalibus magna portendere. Quaenam autem calamitates, cui Regioni quibus[q]ue populis intententur, vanum & temerarium est asseuerare, nisi quis ostendat se divinis consiliis interfuisse. E, conclude Cysat, è comunque arbitrario attribuire le calamitates a questa o all’altra regione, perché le comete, come gli astri in genere, aspiciunt & obeunt.

Esemplari (non esaustivamente): Université de Strasbourg, Sciences et Techniques; Bibl. Mun. Lyon; BNF; Observatoire de Paris; Bibl. Naz. Centr. Firenze; Bibl. Angelica, Roma; Bibl. Naz. Centr. Vittorio Emanuele II, Roma; Bibl. General Universidad de Sevilla; Universidad de Salamanca; British Library; Royal Society Library; Staats und Stadtbibliothek Augsburg; Studienbibliothek Dillingen; Staatliche Bibliothek Regensburg (2); Stadtbibliothek Passau; Bayerische Staatsbibliothek München; Bibliothek der Ludwig Maximilian Universitäts München (2); Universitätsbibliothek Eichstätt, Zentralbibliothek und Teilbibliotheken (2); Universitätsbibliothek Freiburg; Staatsbibliothek Berlin; Thüringer Universitäts und Landesbibliothek, Jena; Herzog August Bibliothek, Wolfenbüttel; Universitätsbibliothek Bonn; Universitäts und Landesbibliothek Münster; Heinrich Suso Gymnasium Konstanz; Universitätsbibliothek Würzburg; Universitätsbibliothek Mainz; Stadtbibliothek Mainz; Hochschul und Landesbibliothek Fulda; Die Landesbibliotheken Österreichs und Südtirol; Universitätsbibliothek Salzburg; Universitätsbibliothek Basel; Zentral und Hochschulbibliothek Luzern; Universitätsbibliothek Zürich; Brown University, Providence, Rhode Island.

Bibliografia: Kenney 42; Zinner n. 4702; Grassi p. 196.