<<   N. 2059 bis   >>

★ Danieli, Fedele [XVI-XVII secolo]. Trattato della divina providenza diviso in tre Libri: composto dal P. Fedele Danieli della Compagnia di Giesv’. Con privilegio. In Milano. Appresso Gio. Battista Bidelli. M.DC.XV. (1615). Con licenza de’ Svperiori.

In 4° (21.5 cm), a4 A-Z4 (K2 è segnata I2; Z2 è segnata Y2) Aa-Gg4 Hh2; a2 Ll-Nn4 (omesso il fascicolo Oo1-4) Pp-Zz4 Aaa-Zzz4 (Kkk1-4 sono segnate KKK1-4) Aaaa-Zzzz4 Aaaaa-Llll4 (Kkkk1-4 sono segnate KKKK1-4), cc. [4]. pp. 244; cc. [2], pp. 245-616 (i.e. 614: omesse le pagine 477 e 478), cc. [11, indice analitico]. Stemma dei Gonzaga al frontespizio con il motto Quale et quam procul. Titolo stampato in rosso e nero. Capilettera e fregi xilografici. Il secondo Libro inizia con proprio frontespizio alla carta 2a1 recto e reca marca editoriale (un gatto blocca un topo con la zampa); il terzo libro inizia con proprio titolo alla carta Hhh4 recto. I verso di a1, a3, a4 2a1, e Lllll4 sono bianchi. Note a stampa al margine. Errata da Llll3 recto fino a Llll4 recto. La dedica del primo Libro è datata in a3 recto Di Milano 24. Luglio M.DC.XIV (1614). La dedica del secondo Libro è datata in 2a2 verso Di Milano il 1. d’Ottobre 1614.

Prima edizione.

Nulla mi faceva pensare che quest’opera, micidialmente religiosa e ignorata da tutte le bibliografie consultate (per tutte, quella, completissima, di Piantanida), trattasse anche di astrologia. Mi sbagliavo, perché avrei dovuto sapere che la disciplina astrologica, in chiave critica soprattutto, è sistematicamente menzionata nei testi del XV-XVII secolo e il Trattato di Danieli non poteva sfuggire a questa regola di ferro, a dispetto del titolo. In realtà, l’Autore tratta di un po’ di tutto, secondo il sistema letterario del ‘600: della Provvidenza naturalmente, ma anche di un’estrema varietà di temi. Ne accenno qualcuno: Ciglia perché non crescano; i colori; il corredo della sposa; la natura, i costumi, i pregi delle donne e la loro sottomissione agli uomini; i governi e i governanti, le zanzare, l’onomastica; i giochi di dadi e carte trovati dal Demonio. Quanto alla disciplina astrologica, Danieli la critica, affermando che sono più i falsi pronostichi, che i veri, ciò che dunque rivela una certa cautela nel giudizio negativo. Scrive anche, però, che gli astrologi inspirati, cioè quelli che fanno predizioni corrette, non ricavano queste dalle stelle, ma per occolta disposition divina ed è dunque il Padreterno che attribuisce loro quel potere divinatorio. Secondo Danieli è invece ammessa e utile la disciplina astrologica quando si occupa di agricoltura, salute delle persone (i.e. la iatromatematica) e la meteorologia. A queste considerazioni di carattere generale l’Autore fa poi seguire un sintetico sommario delle regole più tecniche sull’interpretazione astrologica.

Esemplari: Bibl. Seminario Vescovile Casale Monferrato; Bibl. Civica Angelo Mai Bergamo; Bibl. Universitaria Cagliari; Bibl. Statale Cremona; Bibl. Statale isontina Gorizia; Bibl. Prov. Laurenziana Napoli; Bibl. Naz. Vittorio Emanuele III Napoli; Bibl. Seminario Vescovile Padova; Bibl. Com. Sperelliana Gubbio; Bibl. Com. Augusta Perugia; Bibl. Fondazione Cariparma Busseto; Bibl. Com. Federiciana Fano; Bibl. Naz. Centrale Vittorio Emanuele II Roma (copia incompleta); Bibl. Seminario Teologico Trento; Bibl. Seminario Arcivescovile Torino; Bibl. Diocesana Seminario Vescovile Tortona (con segnatura a4 A-2G4 2H2; a2 2L-4H4 4I1 a-c4 d2 4L3 4K-4L4); Bibl. Sacro Eremo di Camaldoli Poppi (con segnatura a4 A-2G4 2H2; a2 2L-4H4 4I1 a-c4 d2 4L3 4K-4L4); Bibl. Frati Minori Cappuccini Bologna (con segnatura a4 A-2G4 2H2; a2 2L-4H4 4I1 a-c4 d2 4L3 4K-4L4); Bibl. Com. Manfrediana Faenza (con segnatura a4 A-2G4 2H2; a2 2L-4H4 4I1 a-c4 d2 4L3 4K-4L4); Bibl. Istituto internaz. Don Bosco Torino (con segnatura a4 A-2G4 2H2; a2 2L-4H4 4I1 a-c4 d2 4L3 4K-4L4); Bibl. Universidad Complutense Madrid; Bibl. Universidad Barcelona; Universidad Sevilla; Bodleian Library Oxford; British Library; Bibl. Nacional de Chile Santiago.

Altra edizione: 1618, In Verona, per Bartolomeo Merlo, in 4°, 22 cm, [ ]4 ✣ ✣4 ✣ ✣ ✣4 ✣ ✣ ✣ ✣4 A-Z4 Aa-Zz4 Aaa-Zzz4 Aaaa-Qqqq4 Rrrrr6, cc. [16], pp. 692. Esemplare, tra i pochissimi altri, della Bibl. Naz. Braidense Milano.