<<   N. 2460   >>

★ Eyssenmann, Simon [XV-XVI secolo]. Juditiũ Lipsense Simonis Eyssennmã// De Dillinga Artiũ ingenuarũ Magistri Astrologi[que] super effectibus fu//turis ex tabella fati [pro] honore Accademie Lipsensis Jntegerrime. [Leipzig] [Jakob Thanner] [1517].

In 4° (22 cm), A6, cc. [6]. Bellissima incisione al frontespizio (Saturno e Venere dominano una città – Leipzig – e sotto di loro Luna e Sole con espressione triste). Carattere gotico. Luogo di stampa e stampatore sono frutto di attribuzione.

Il pronostico di Eyssenmann ha un incipit terribile: prevede infatti per l’anno 1517 terraemota, magna diluvia inundationeque aquarum rivorumque, abundantia victualium et frumentorum caristia, mortalitates et pestilentie, fuga atque depopulatio hominum, devastatio locorum, prelia conflictus, submersio navium et naufragium, multiplicatio malarum bestiarum, iracundiae regum et principum. Tuttavia, nella pagina successiva Eyssenmann scrive saggiamente che […] scientia stellarum occultissima non levi effectu turbat concepte spei ordinem et in nobis astrologis et in animalibus instinctu falluntur circa effectus stellarum atque temporum. Seguono capitoli nei quali l’Autore specifica che i domini dell’anno sono Venere e Saturno (non una buona accoppiata) e che ci saranno un’eclissi di Sole e un’eclissi di Luna (entrambe, secondo la tradizione anche popolare, non apportatrici di belle cose). Ancora: previsioni de bello atque pace hominum, de aegritudinis, de frugibus terre, de successu hominum, de statu Saracenorum (omnium pessimi, ma è la speranza costante dei Cattolici), de statu Turcorum, de statu imperatoris et aliorum principum mundi, de statu militum, de studentibus, de virginibus et mulieribus, etc.

Esemplari: Universitäts und Landesbibliothek Sachsen-Anhalt, Halle.

Bibliografia: Houzeau-Lancaster 14565 (cita le uscite dal 1516 al 1520, Leipzig, in 4°).