<<   N. 253   >>

★ “Ambrus Da Garbagna’” [XVII secolo]. Discorso Astrologico Scientifico, e Prattico D’Ambrus Da Garbagnà discepolo del Gran Zaboi da Monscia. In Dialogo con Bofin da Venegon per l’Anno MDCXLVI. Doue si danno cento cinquanta Precetti per bene Astrologare, e si predicono le mutationi de’ tempi, & altre curiosità. Al Molto Illust. Sig. Il Sig. Benedetto Ferrari. In Bologna, per Giacomo Monti, sotto le Scuole. Con licenza de’ Superiori. [1645].

In 4°, (20.3 cm), A-D4, pp. 31 [1 bianca]. La dedica di Giacomo Monti è datata in A2 verso Bologna li 8. Decembre 1645. Al frontespizio un Sole in gabbia. La p. 2 è bianca. Capilettera incisi.

Apparentemente si tratta della seconda uscita di questo Discorso astrologico.

La prima parte del Discorso (Propositioni Astrologiche) è strutturata in chiave di dialogo, parzialmente in dialetto milanese della provincia, tra l’anonimo Autore e l’altrettanto anonimo Bosin (espressione che in dialetto alto-lombardo sta per campagnolo) da Venegon (i.e. Venegono, paese in provincia di Varese): Ambrus si rivolge in italiano a Bosin, che gli risponde in dialetto lombardo. A dispetto di titolo e personaggi, l’opera non ha affatto contenuto satirico. Anzi, nelle Propositioni l’anonimo mostra di saperne di astrologia e tratta del tema, sia pure in termini generali. Alle pagine da 19 a 22 il consueto Giudicio Astrologico, sempre in forma di dialogo.

Nella scheda n. 2193 ho descritto sommariamente altra opera, anonima, che potrebbe però essere anch’essa di Ambrus da Garbagna’ (Discorso astrologico sopra l'anno bisestile 1644, del gran Zaboi da monza e Jacomette da oren).

Esemplari: Bibl. Guido Horn d'Arturo del Dipartimento di astronomia dell'Università di Bologna e dell'Osservatorio Astronomico, Bologna; Bibl. Civica Aprosiana di Ventimiglia.

Bibliografia: Grassi p. 18.