<<   N. 2580 ter   >>

★ Ferrier, Aug(i)er [1513-1588]. Advertissemens// a M. Iean Bodin, svr le// qvatriesme livre de sa// repvblique par M. Avgier Ferrier// Docteur Medecin, seigneur de Castillon. Tolosain.// Avtres// advertissemens// dudit Ferrier, sur la Loy Domus// D. de legat I. A Tolose,// chez Arnavd et Iaqves Co//lomiés Freres, Imprimeurs.// M.D.LXXX.// Avec Permission de la Court [In M5 verso: Acheué d'imprimer le quinziesme iour de Feruier, 1580].

In 8° (17.5 cm), A-M4, pp. 84, cc. [6]. Marca al frontespizio con il motto Agone solatium in mortis. Capilettera xilografici. Fregio a piena pagina in M6 recto. Errata in M5 verso. Note a stampa al margine.

Prima edizione.

Ferrier era amico di Bodin, ma in quest’opera la sua penna non è stata né trattenuta né ammorbidita da questo sentimento. In effetti, se vistosi erano stati gli errori astronomico-astrologici commessi da Bodin nel quarto libro della sua opera principale (vedi la scheda n. 947), altrettanto impietosi sono qui gli advertissemens critici di Ferrier. Così, oltre ai commenti generali (Vous vous trompez; vous avez esté trop credule; c’est faux, etc.) Ferrier addebita fra l’altro all’amico: di aver riportato la fake news del presidente (che presidente non era) dell’Università di Toulouse, Monsieur Auriol, cui vari astrologi male informati avevano attribuito la costruzione di un’arca nel timore del Secondo Diluvio Universale del 1524; di aver indicato in 36 gradi l’impossibile distanza tra Mercurio e il Sole; di aver previsto un’inesistente congiunzione tra Giove e Saturno a 9 gradi dell’Ariete per il 1909; di aver errato nell’identificazione della data di nascita del mondo; di aver attribuito a un soggetto sbagliato l’ascendente (nel Cancro) di Costantinopoli; di aver disegnato una carta del cielo peggio di quanto aveva fatto Pico della Mirandola, celebre nemico dell’astrologia. A errori di questa natura Ferrier altri ne aggiunge, sia di carattere lessicale, sia di natura storica e geografica. A queste e ad altre critiche Bodin rispose, celandosi dietro lo pseudonimo di René Herpin, con l’opera Apologie de René Herpin pour la République de Jean Bodin (Paris, Jacques Dupuy, 1581).

Nessun esemplare di questa edizione (certamente la prima perché stampata a Toulouse, patria di Ferrier) è apparentemente in possesso delle biblioteche pubbliche sul web.

★ Altra edizione, coeva: Advertissemens// a M. Iean Bodin, svr le// qvatriesme livre de sa re//publique par M. Avgier Ferrier Docteur Medecin,// Seigneur de Castillon. Tolosain.// Avtres advertissemens// dudit Ferrier, sur la Loy Domus// D. de legat I. A Paris,//chez Pierre Cauellat, ruë S. Iaques,// à la Fleur de Lys.// M.D.LXXX (1580). In 8°, 16.5 cm, A-K4, pp. 71 [1], cc. [4: La Table e Sur la Loi Domus D. de legat I]. Incisione al frontespizio: due leoni rampanti e il motto Pétit à pétit. Capilettera, testatine e grandi fregi di chiusura dei capitoli, xilografici. Note a stampa al margine. I verso di A1 e K4 sono bianchi. Esemplari: BNF; Bibl. Mun. Lyon; Bibl. Bouhiers, Troyes; Bibl. Interuniversitaire Sainte Geneviève, Paris; Centre d’études supérieures de la Reinaissance, Tours; Durham University; Universitätsbibliothek Bern; Herzog August Bibliothek, Wolfenbüttel.