<<   N. 2853   >>

★ Galasso di Avellino [XVI secolo]. Discorso philosophico morale// Pronostico, & Presaggio, sopra le Reuolutioni, Motti,// & Accidenti, dell’Anno MDLXXVI.// Con il quale, si mostra à Prencipi christiani, di stare auertiti, sopra le scis//me, & reuolutioni, temulti, & solleuatione de populi,// calculato, & posto in luce per il Galasso Nobile Cittadino della// Città d’Auellino, Philosopho, Mathematico, & dottore, det//to l’Incognito nel’Academia Partenopea, estratto da// vn suo p[ro]prio Originale de verbo ad verbum. [In A4 verso: Stampato in Bologna, per Pellegrino Bonardo,// Con licenza de’ Superiori. 1576].

In 4° (20 cm), A4, cc. [4]. Iniziale xilografica. Dedica al Serenissimo Re Catholico, datata in A1 recto Del Regno à di xv. d’Ottobre, l’Anno del S, Giubileo MDLXXV.

L’anno, scrive Galasso, sarà buono perché governato dal Sole (le biade saranno buone e d’animali così grandi come piccoli ne sarà abbondantissima copia). A questa valutazione di carattere generale fa seguito una serie di previsioni dedicate al Papa, all’Imperatore Massimi[li]ano, al Re di Francia, a Re Filippo, al Regno di Polonia. Un capitolo è poi assegnato da Galasso alla Casa Ottomana, che raccoglierà una serie di successi militari fino a che Dio non manderà contro di lei i tedeschi e gli ungheresi. Altre previsioni sono dedicate a Lucca, Venezia, Genova, al Granduca di Toscana e ai Duchi di Savoia, Ferrara, Mantova, Parma, Piacenza e Urbino. Insomma: un panorama molto ampio.

Esemplari: Bibl. Casanatense, Roma (esemplare mutilo del frontespizio).

Bibliografia: Bibl. Magica 489.