<<   N. 5817 bis   >>

★ Paolini, Fabio [1535-1605]. Fabii Pavlini// Vtinensis// Philosophi,// Et Graecas literas Venetijs profitentis,// Hebdomades,// sive// septem de Septenario libri,// Habiti in Vranicorvm Academia// In vnius Vergilij, versus explicatione.// Ad Sereniss. Venetae Reip.// Collegivm.// Cvm Privilegiis. Venetijs, Apud Franciscium Senensem, 1589.

In 4° (20.6 cm), a-e4 f3-4 A-Z4 (D1 è segnata C1) Aa-Zz4 Aaa-Zzz4, cc. [22 di indici], pp. 456. Marca tipografica al frontespizio. Il verso della prima carta è bianco. Note a stampa al margine. Piccole incisioni nel testo alle pagine 124 e 309. Capilettera xilografici. Errata in e4 verso. La dedica è senza luogo né data. Numerosi i brani in greco e in ebraico.

L'opera è suddivisa in 7 libri: De eloquentia et poetica; De musica; De humani animi armonia; De astrologia; De mathematica; De natura misterijs; De theologia. Il tema fondante è costituito dal verso di Virgilio "Obloquitur numeris septem discrimina vocum", in cui il poeta latino fa riferimento ad Orfeo; Paolini tuttavia sconfina ampiamente dallo spunto e tratta così di materie esoteriche, davvero ossessionato da numero 7 (7 sono come già ho scritto i libri e ognuno di essi è suddiviso in 7 capitoli, per esempio). Assieme alla numerologia e alla magia, Paolini tratta ampiamente di astrologia, cui è dedicato il Libro IV. In realtà, egli fa miscela senza distinzioni tra astrologia e astronomia, come si faceva normalmente nel secolo precedente. Oltre che nel Libro IV, la disciplina astrologica è trattata tangenzialmente (assieme a magia, numerologia, letteratura antica, musica e altro) nel Libro VI, nel quale Paolini afferma l'esistenza di una stretta partecipazione tra uomini e Pianeti: Saturnus homini contemplatione deditos; Amores Venus per venereos inducit; Mars per Martios daemonas; Juppiter largitur, e così via (pagina 313). Una gran parte dell'opera, infine, è dedicata all'affascinante tema della musica celeste.

Esemplari: Bibl. Universitaria Bologna; Museo internazionale e Bibl. Musica, Bologna; Bibl. Com. Ariostea Ferrara; Bibl. Naz. Centrale Firenze; Bibl. Statale del Monumento Naz. Montecassino; Bibl. Universitaria Genova; Bibl. Com. Valentiniana Camerino; Bibl. Angelica Roma; Bibl. Accademia Georgica Treia; Bibl. Regionale Universitaria Messina; Bibl. Naz. Braidense Milano; Bibl. Civica Berio Genova; Bibl. Statale Oratoriana dei Girolamini, Napoli; Bibl. Com. Luciano Benincasa, Ancona; Bibl. Naz. Vittorio Emanuele III, Napoli; Bibl. Seminario Vescovile Padova; Bibl. Universitaria Pisa; Bibl. Civica Costantino Nigra, Ivrea; Bibl. Civica Aprosiana, Ventimiglia (esemplare privo del frontespizio); Bibl. Umanistica, Lettere, Firenze; Bibl. Com. Pordenone; Bibl. civica Gerolamo Tartarotti Rovereto; Bibl. Universitaria Pavia; Bibl. Antoniana Padova; Bibl. Capitolare Fabroniana Pistoia; Bibl. Mun. Antonio Panizzi, Reggio Emilia; Bibl. Com. Paroniana Rieti; Bibl. Naz. Centrale Vittorio Emanuele II, Roma (3); Bibl. Universitaria Alessandrina Roma; Bibl. Casanatense Roma; Bibl. Com. Maria Coccanari Fornari, Tivoli; Bibl. Frati Minori Cappuccini, Messina; Bibl. Civica Bertoliana Vicenza; Bibl. civica Vincenzo Joppi, Udine; Bibl. Seminario Vescovile Verona; Bibl. Civica Guarneriana, San Daniele del Friuli; Bibl. Apostolica Vaticana; Bibl. Nacional Madrid; Bibl. Universidad Complutense Madrid; Bibl. Universidad de Salamanca; Bibl. de Navarra; Bibl. Universidad de Granada; Bibl. Universidad de Barcelona; Bibl. Universidad de Sevilla; Real Seminario Corpus Christi Valencia; BNF; Bibl. Interuniversitaire Sainte Geneviève, Paris; Koninklijke Bibliotheek, Den Hag; Sistema Bibliotecario Ticinese Lugano; British Library; University College London; Österrreichische Nationalbibliothek Wien; Bayerische Staatsbibliothek München; Staats und Stadtbibliothek Augsburg; Staatsbibliothek Bamberg; Niedersächsische Staats und Universitätsbibliothek, Göttingen; Harvard University, Divinity School Library.

Bibliografia: Adams P 481.