<<   N. 5964   >>

★ Paulus Germanus De Middelburg [1455-1534]. Prognosticum R.P.D. Pav//li de Middelburgo Episcopi Forosempro//niensis, ostendens Anno M.D.XX//IIII. Nullû, ne[que] uniuersale ne[que]// prouinciale, diluuiû fu//turum. S. domino// nostro Clemen//ti Pape.// vij. dicatum. [Recto dell’ultima carta, ultime 2 righe: Ex Forosempronij [Fossombrone], Kalendas De//cembris Anno M.D.XXIII] (1 dicembre 1523). [Augsburg?] [Ruff?].

In 4° (19.4 cm), A4 B2, cc. [6]. Il verso dell’ultima carta è bianco. Capilettera in A2 recto. Dedica di Ottmar Luscinius a Raimond Fugger al verso del titolo, datata Auguste Vindelicorum [Augsburg] Idibus Ia//nuarij. Anno M.D.XXIIII (13 gennaio 1524). Il luogo di stampa e il nome dello stampatore non risultano nel testo, ma sono frutto di attribuzione.

E’ una delle numerosissime opere che tratta del Secondo Diluvio Universale, in relazione alla quale rinvio all’ampio commento della scheda n. 18. Assieme a quelli delle schede nn. 5965 e 5966, è l’ultimo dei numerosissimi pronostici di Paulus de Middelburg.

Paulus esclude si verifichi, neppure su base locale, fra l’altro perché Marte, che si congiungerà nel Segno dei Pesci con Giove e Saturno, è Pianeta calidus & siccus, & contrariatur diluuio, & potius induceret aestum & caliditatem & siccitatem q[uam] diluvium. Similiter coniunctio Solis cu[m] Saturno & Iove […] cum Sol Planeta calidus & siccus, ut omnibus perspicuu[m] estat […]. E ancora: il rapporto di congiunzione tra Venere e Saturno, anch’esso nel Segno dei Pesci, è hominibus beneuolus, qui non potest inducere diluvium. Precedute dall’avverbio similiter seguono poi analoghe considerazioni, tutte per una conclusione negativa sul diluvio, in relazione alle numerose altre congiunzioni (8 quelle della Luna, ma, osserva Paulus, non valgono nulla perché sono quotidiane: ha perfettamente ragione!) contemporanee nello stesso Segno. Nella stessa direzione vanno, scrive, i precedenti: così, la congiunzione Giove/Saturno del 1484 ebbe luogo nel Segno d’acqua dello Scorpione, ma non ci fu diluvio (Paulus aveva trattato di questa congiunzione in pronostici - vedi supra - di quell’anno e, pur senza aver previsto un diluvio, aveva predetto una quantità inverosimile di guai per tutti).

Esemplari: Bibl. universitaria Alessandrina, Roma (esemplare con sole cc. [4]); British Library; Bayerische Staatsbibliothek München.

Bibliografia: Brunet IV 563; Graesse V 175; Houzeau Lancaster 5549 e 14466; Thorndike V pp. 217-218; Olschki 13453; Zinner 1253.

Questo pronostico, come è agevole immaginare, ebbe una numerosa serie di edizioni: in effetti, il tema era parecchio scottante. Le edizioni in latino che ho identificato (ho visto quella sopra descritta e l’edizione in tedesco della scheda che segue; non ho visto quella in italiano, oggetto della scheda successiva a quella in tedesco) sono queste:

1523, Augsburg, Sigmund Grimm. Esemplare della Manchester University (altro alla British Library). Bibliografia relativa: Houzeau-Lancaster 5549; Olschki 13433; Brunet IV 453; Graesse V 175; Thorndike v p. 217;

1523 [In fine: Arimini [Rimini], apud Ieronimum Soncinum] in 4°, a4, cc. [4], 37 righe per pagina. Dedica a Clemente VII. In questa edizione la parola significat è sostituita da significatur e nullum è scritto correttamente. Esemplare della sola Bibl. Com. Augusta, Perugia. Bibliografia relativa: Thorndike v p. 217; Piancastelli p. 35;

1523, Romae, Marcellus Silber, cc. [4], con il titolo Prognosticum r.p.d. Pauli de Middelburgo episcopi Forosemproniensis ostendens anno MDXXIIII nullum neque uniuersale neque prouinciale diluuium futurum. Esemplari: Bibl. Apostolica Vaticana; Bibl. Angelica, Roma;

1523, Venezia, in 4°, cc. [4]. con il titolo Ad Sanctissimum Dominum nostrum Pòntificem maximum Clementem septimum P. de Middelburgo Dei et apostolice sedis gratia episcopi Forosemproniensis prognosticu que per coniunctiones omniu planetarum in signo pisciu sequeti anno futuras nulllu [sic] significat diluviu neque universale neque provinciale. Esemplare della British Library.