<<   N. 826 bis   >>

★ Beroaldo, Filippo [1453-1505]. Opusculum Philippi// Beroaldi de Terraemotum & Pestilen//tia: cum Annotamentis Galeni.// Addita est explicaturum in Anno//tamentis Galeni dictionum// Tabvla. Venditur in vico sancti Iacobi in intersi//gnio diui martini. [Parigi] [Denis Roce] [1513].

In 4° (19.5 cm), A4 B8 C4 D6 E4; A4, cc. [2] II-XXI [3]; [4]. Marca tipografica in calce alla quale figura il nome dell’editore Nicolas Roce (due draghi reggono uno stemma). Attorno alla marca si legge anche il seguente motto: A laventure tout vient a point qui peut ateindre. Le parole “Opusculum Philippi” sono stampate in caratteri gotici. Lo stampatore fu Nicolas Des Prez. Note a stampa al margine. Indice da E2 recto a E4 recto. E4 verso è bianca. Capilettera xilografici. Dedica a Erasmus Vitellius (i.e. Erazm Ciolek), vescovo di Plozko, senza data né luogo.

Quinta edizione autonoma di questo Opusculum.

Quest’opera fa parte della serie di opuscoli che Beroaldo scrisse, nell’ambito di vari argomenti, nessuno dei quali attinente ai temi di questa bibliografia. Fa eccezione quello qui descritto, all’interno del quale, sia per la parte afferente i terremoti, sia per qualla reiguardante la peste, l’Autore dà pressoché per scontato che gli aspetti dei Pianeti costituiscano concausa efficiente degli uni e dell’altra (assieme ai venti sotterranei quanto ai terremoti, e alla putrefazione dell’aria, quanto alla paste). Ho scritto “per scontato” perché i riferimenti agli aspetti di Marte e Saturno (i cosiddetti malefici) sono pochi e sintetici, ma non perché non rilevino, bensì perché più semplicemente Beroaldo non si intendeva per nulla della disciplina astrologica e delle sue regole e si è dunque rifugiato nelle opinioni espresse da altri. L’opera fu scritta da Beroaldo in occasione del pesante terremoto di Bologna del 1505. La sola edizione senza data è quella qui descritta in via principale.

In questa scheda mi limito a rammentare le edizioni che hanno avuto a oggetto questo solo opuscolo; numerose altre hanno avuto a oggetto, oltre a quello qui descritto, vari altri Opuscula di Beroaldo (fra esse quella del 1508 [al colophon: Impressum Venetiis per Bernardinum Venetum de Vitalibus], in 4°, Aa-Rr4, cc. [67] [1 bianca]. Esemplare della Bibl. Nacional Madrid).

Esemplari: Bibl. Com. Augustea Perugia; Bibl. Virgilianum Trento; BNF; Bibl. Interuniversitaire de La Sorbonne; Bibl. Universitaire Strasbourg; Bibl. Mun. Toulouse (esemplare incompleto); Bibl. Universidad Complutense Madrid; Zentralbibliothek Solothurn; Universitätsbibliothek Bern; St Galler Bibliotheksnetz; Aargauer Kantonsbibliothek; Staatliche Regensburg; Universitäts und Landesbibliothek Bonn; Universitäts und Stadtbibliothek Köln; Bayerische Staatsbibliothek München; Staatsbibliothek Bamberg; Universitäts und Landesbibliothek Düsserdolf; Harvard University Medical School; University of Minnesota, Minneapolis; US Air Force Academy; UC Berkeley Libraries.

★ Prima (?) edizione: 1505 [al colophon, in G4 verso: Impressum Bononi[a]e, p[er] Benedictu[m] Bibliopolam// Bononie[n]sem Anno Dñi M.D.V. Idibus Maii (i.e. 15 maggio)], in 4°, A-E8 F6 G4, cc. [46]. Titolo: Opvsculvm Philippi Bero//aldi de Terr[a]emotu et Pestilen//tia, cum annotamentis// Galeni. Note a stampa al margine.Capilettera. Marca tipografica al frontespizio. Dedica a Erasmus Vitellius (i.e. Erazm Ciolek), vescovo di Plozko, senza data né luogo. Esemplari (non esaustivamente): Bibl. Civica Angelo Mai, Bergamo; Bibl. Universitaria Bologna; Bibl. Città di Arezzo; Bibl. Com. Archiginnasio Bologna; Bibl. Civica Queriniana Brescia; Bibl. Civica Cuneo; Bibl. Malatestiana Cesena; Bibl. Seminario Arcivescovile Ferrara; Bibl. Com. Ariostea Ferrara; Bibl. Boffito Collegio delle querce, Firenze; Bibl. Civica Aprosiana Ventimiglia; Bibl. Naz. Braidense, Milano (2); Bibl. Com. Teresiana Mantova; Bibl. Estense Universitaria Modena; Bibl. Statale Oratoriana Girolamini, Napoli; Bibl. Naz. Vittorio Emanuele III Napoli; Bibl. Società napoletana di storia patria; Bibl. Com. Passerini Landi Piacenza; Bibl. Civica Benedetto Passionei Fossombrone; Bibl. E Musei Oliveriani Pesaro; Bibl. Universitaria Pavia; Bibl. Com. Classense Ravenna; Bibl. Antonio Panizzi Reggio Emilia; Bibl. Naz. Centrale Vittorio Emanuele II, Roma (2, uno dei quali incompleto); Bibl. Angelica Roma; Bibl. Accademia Naz. Lincei e Corsiniana Roma; Bibl. Com. Intronati Siena; Bibl. Civica Museo Correr Venezia; Bibl. Naz. Marciana Venezia; Bibl. Consorziale Viterbo; British Library; University College London; Nukat; Universitätsbibliothek Freiburg; Zentrale Hochschulbibliothek Lübeck; Michigan University. Bibliografia relativa: Adams B 776 (esemplare incompleto).

Altra edizione coeva: 1505 [Al colophon: Impressum Bononiae per Iustinianum de Herbaria], in 4°, cc. [26]. Titolo (Opusculum de terremotu et pestilentia cum annotamentis Galeni editum per d. C. Scheurlum Nurembergensem) in A2 recto. In A1 recto: Optimo auunculo suo Sixto Tucher. Esemplari: Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna; Bibl. Apostolica Vaticana; Bibl. Diocesana Mons. Giuliano Agresti, Lucca; Bibl. Naz. Vittorio Emanuele III, Napoli; Universitätsbibliothek Freiburg; Bayerische Staatsbibliothek München; Universitätsbibliothek München; Universitätsbibliothek Erlangen-Nürnberg; Universitätsbibliothek Leipzig; Sächsische Universitäts und Landesbibliothek, Dresden; British Library; Archive du Québec. Bibliografia relativa: Rosenthal 3301.

Ulteriori edizioni del singolo Opusculum:

- 1510, Argentorati [Strasbourg], in Mathiae Schureri Heluetensis Officina, in 4°, A4 B8 C-D4 E-F6 G-H4, cc. [4] XXXII [3]. Esemplari: Bibl. Società Napoletana di Storia Patria; British Library; Staattlche Bibliothek Neuburg; Staatsbibliothek Bamberg; Universitäts und Landesbibliothek Darmstadt; Universitätsbibliothek Erlangen-Nürnberg; ulteriori 13 biblioteche ne posseggono copie (dato tratto da World catalogue). Bibliografia relativa: Graesse I 348;

- 27 novembre 1511 [Parigi] Venundantur in edibus Ascensianis; finis in aedibus ascensianis¸ 1511 V. Kalen. Decemb, in 4° A-E8, cc. [4] XXIX [3]. Esemplari in Italia: Bibl. Marucelliana Firenze; Bibl. Naz. Braidense Milano. Altre 14 biblioteche ne posseggono copie (dato tratto da World catalogue).