<<   N. 8313   >>

★ Valleriole, François [1504-1580]. Traicte de// la peste.// Composé par// Maistre François Valleriole// Docteur in medicine.// Duquel voyez un sommaire en la// page suivante. A Lyon.// Par Antoine// Gryphius// 1566.

In 16° (12 cm), A-O8, pp. 208, cc. [7] [1 bianca]. Marca di Gryphius al frontespizio. Testatine e capilettera xilografici.

Prima edizione.

Qualche pagina (pp. 28-38) di questa rara opera è dedicata anche all’astrologia, come spesso è nei testi cinquecenteschi di medicina: Valleriole nega sia fondata l’opinione di Avicenna, che attribuiva agli astri la diffusione della malattia. Afferma, non senza logica, che gli astri sono belli e buoni ed è dunque sbagliato pensare che da essi possa dipendere una piaga tanto grave quanto la peste.

Sullo stesso, antico, tema del rapporto tra i Pianeti e la peste, vedi le opere di Alessandri, Ampzig, Augenio, Chavant, Columba, Davin, Claude Fabri, Augier Ferrier, Marsilio Ficino, Fiochetto, Joubert, Lini, Gerolamo Manfredi, Massaria, Nancel, Susio, Thibault, Textor.

Esemplari: Bibl. Interuniversitaire Sainte Geneviève, Paris.

Altra edizione: 1629, Aix-en-Provence, Jean Roize, in 16°. Esemplare della Bibl. Méjanes, Aix-en-Provence.