<<   N. 8986  

★ Zynthius, Aron [1604-1631 (?)] - Brunius, Daniel Nicolai [XVII secolo]. Disputatio publica de ardua satis et nobili illa quaestione qua quæri solet, an astrologi ex observatione siderum, actiones ex voluntate Humana dependentes, successus contingentes & casus fortuitos prævidere possint? Quam Annuente Altissimo in Regia Upsaliensi Academia, Sub præsidio M. Aharonis Zynthii Amplissima Facult. Philos. Ibidem Adjuncti Publicè ventilandam proponit Daniel Nicolai Brunius. in Auditorio Maiori horis à sexta matutinis diei 18 Septemb. Upsaliæ Excudebat Eschillus Matthiæ, Acad. typog. Anno 1624

In 4° (20 cm), A4 B3, cc. [7]. Al verso del titolo dedica di Brunius ai professori dell’Università di Uppsala. Un capilettera e una testatina in A2 recto. un fregio in fine. B3 verso è bianca.

E’ l’opera che più ho cercato, trattandosi dell'ultima scheda (delle 10.394 che ho scritto, considerati i bis, i ter, i quater e così via, e le oltre 15.000 edizioni) e finalmente sono riuscito a leggerla grazie alla digitalizzazione del testo da parte dell’università di Uppsala. In precedenza, la mia sola fonte era rappresentata dagli ultra-sintetici Houzeau-Lancaster, citata con un titolo difforme da quello reale.

Brunius, il Respondens, paragona gli astrologi, stolti e presuntuosi, agli indovini che traggono predizioni dal volo degli uccelli (ex garritu avium), ma non nega che coniunctiones & motus [astrorum] posse excitare pluvias, tempestates, frigora, & terremotus e sembra anche consentire che attraverso l’astrologia possano anche prevedersi morbos, sterilitatem, siccitatem, ma non mai actiones humanas, perché questo confliggerebbe con il principio del libero arbitrio. Se questo principio fosse violato, le azioni umane sarebbero infatti inanes, dato che tutto sarebbe scritto o comunque prevedibile. Conclude quindi che l’astrologia è impostura e vanitas nonché null’altro che otiosorum ingegnorum somnium. Nulla che non si sia già letto, dunque. Al verso di B2 sinteticamente Brunius conclude che la fisiognomica è utile per comprendere mores & ingenia hominum; non così la chiromanzia. In B3 recto le congratulazioni a Brunius sono firmate da Laurentini Olai Petraeus.

Esemplari: Bibliotek i Mellansverige; Uppsala Universiteit.

Bibliografia: Houzeau-Lancaster 5102.