<<   N. 987   >>

★ Bonet de Lattes (Bonetus Latensis) [?-1514]. [carta 1 recto] Ad Reuerendissimos D. D. D[o]m[i]n[m] federicum cardinale[m] sancti sauerini & D. meum D.// Joanne[m] Cardinale[m] de Borgia Nepote[m] S.D.M. Pronosticum. anni. M.cccc.lxxxxix// Boneti de latis hebrei prouincialis inter hebreos Rabis & medticine [sic] doctoris. [Al recto dell’ultima carta: Per me Bonetû de latis hebreû prouincialē Rome anno. 1499.// die xxvi. Januarii laus & honor deo p[er] infinita secula seculo[rum] Amen (26 gennaio 1499).

In 4° (18 cm), senza segnatura, cc. [4]. 39 righe per pagina. 1 capilettera xilografico al recto della prima carta. Carattere semi-gotico. Il verso dell’ultima carta è bianco.

Il Leone all’ascendente di rivoluzione, scrive l’Autore, porterà magna caliditate, ma abbondanza di frumento. Seguono subito le previsioni specifiche, dedicate ai personaggi importanti. E così: al Papa (nel pronostico dell’anno precedente Bonet aveva previsto la morte di 2 cardinali; quest’anno 1499 andrà meglio, scrive, perché ne morirà uno solo; buone invece le previsioni per il Papa, grazie a Saturno in nona Casa); al Re di Spagna; al Re di Napoli (Marte nel Capricorno in Casa sesta gli porterà l’invidia di molti nemici); al Re di Ungheria; al duca di Milano (molti nemici pericolosi); ai romani (felicitas urbis cum reputatione magna); a Venezia; a Firenze; ai Turchi (avranno guerra); agli ebrei; alla gente in generale e a coloro che vanno incontro alla morte. Dopo qualche riga dedicata alle malattie, Bonet scrive la sua protestatio: qualunque cosa egli abbia scritto che appaia essere in conflitto con la legge di Dio va considerata come non scritta. Il pronostico si chiude, al recto dell’ultima carta, con il consueto De diebus electis ad accipiendam medicinam solutivam.

Esemplari: Bayerische Staatsbibliothek München; Bibl. Capitular y Colombina, Sevilla; National Library of Israel, Jerusalem.

Bibliografia: GW 4845; Klebs 198.4; Thorndike IV 465-466.